Puntino. Un mondo migliore è possibile

puntino pagina interna

Ciao, io sono un puntino

Così si presenta il puntino nero, che compare in basso a destra nella prima pagina totalmente bianca, protagonista del libro ‘Puntino‘ scritto e illustrato da Giancarlo Macrì e da Carolina Zanotti. Puntino ha molti amici – sono in tantissimi – e vivono bene nelle loro pagine, perché hanno case, divertimenti, cibo e tutto ciò che occorre. A un certo punto della storia, puntino nero incontra puntino bianco, che invece compare in alto a sinistra, sempre in una pagina completamente bianca. Anche lui ha moltissimi amici, ma non sono felici, perché non hanno nulla di ciò che occorre. puntino libroÈ questo il motivo per cui i puntini bianchi vorrebbero andare nella pagina dei neri, per poter essere anche loro felici. I puntini neri si riuniscono per decidere e accettano di accogliere i nuovi amici bianchi, ma alla fine hanno un’idea migliore. Quale? La soluzione che trovano è fantastica e permette di creare una vera armonia nuova, in cui niente sarà più come prima.
Un libro di una bellezza e una semplicità incredibili. Semplicità che non è banalità, e che permette di affrontare con i bambini da tre a novant’anni (sulla retro della copertina è scritto che è “un libro per tutti i bambini, anche quelli adulti”) temi importanti come l’amicizia e la solidarietà.
I puntini sono tutti disegnati a mano e non ce n’è uno uguale all’altro; non ci sono colori diversi dal bianco e dal nero, perché la forza del messaggio sta anche e soprattutto nell’essenzialità della pagina e del tratto grafico. Quando ho visto per la prima volta questo libro, di grande formato, sono rimasta affascinata dalla sua capacità di catturare l’attenzione. È impossibile non soffermarsi a guardare ogni pagina per un tempo lungo, lasciando andare lo sguardo da un puntino all’altro fino ad apprezzarne la quantità incredibile che dà l’idea di pienezza, ma di una pienezza sempre ordinata, anche quando sembra che non ci sia nessuna logica. A qualcuno potrebbe sembrare semplice riempire una pagina di puntini bianchi e neri, ma io credo che non sia affatto facile farlo creando un impatto visivo equilibrato e capace di restituire il senso del messaggio che gli autori vogliono trasmettere.

I puntini ci insegnano che un mondo migliore è possibile

Basta imparare il valore e il potere dell’amicizia e della solidarietà che stanno alla base della collaborazione e della condivisione.
Capito questo, niente può rimanere come prima.

G. Macrì – C. Zanotti, Puntino, Nuinui, 2019, pp. 46, € 10.90

Cecilia Mattioli

Lavoro con le persone. Amo leggere. Amo scrivere. Provo entusiasmo per qualsiasi cosa mi faccia crescere e non mi stanco mai di imparare

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.